English       Francais      Italiano      Espanol

Le mie radici ed il mio cuore sono latine, per questo i vividi verdi e rossi mi attraggono. L'imaginazione e i miei lunghi e ripetuti soggiorni in Spagna ed in Francia inspirano la mia pittura. Inizio con una tela bianca, la dispongo contro luce e faccio alcuni passi indietro per osservarla intensamente finche' non riesco ad immaginare una forma od un motivo che mi attrae. È questo che dipingo velocemente con tratti in grassetto prima che sparisca. Uso linee in grassetto poiché questo mio atto iniziale è un pegno alla mia immaginazione, un pegno che non puó cancellarsi. Ogni dipinto deve affidarsi a questa immaginazione per vincere la paura. Mentre dipingo, il motivo iniziale assume sempre la forma di un fiore, ed infine dal fiore emerge una donna.

Le donne sono la fonte della mia ispirazione: inizialmente mia madre, ed in seguito l'amore che ho perduto. Mia madre viene dal Messico, ed io passai la mia infanzia a Yuma, nello Stato del Arizona. Quando ero bambino, mia madre raccoglieva i capelli in uno chignon elegante alla francese. Ella aveva l'effetto ipnotico di una Jackie Onassis latina con I capelli cosí coloriti come il rosso del Messico e della Spagna. Mia madre si abbigliava sempre elegantemente, ed ai suoi parties indossava guanti lunghi, orecchini di diamante, ed una collana che adornava le curve del vestito sopra il petto. Dal mio punto di vista di bambino, ella era la dea dei fiori, e sempre si assicurave che v' erano fiori in ogni camera della nostra casa. Spesso invitava i vicini e li intratteneva con boleri musicali e con danze come sei quei contadini fossero capi di stato. Al mattino mia madre recideva delle rose dal suo giardino, e le rose passavano il giorno nei vasi per infine ornare i piatti della cena. La vita è bella quando nelle donne vedi dei fiori d'ogni colore e forma.

Elsa and David Quando avevo 27 anni mi innamorai d' Elsa, una ragazza di Avignone. A quel tempo ella era una ragazza au pair a Boston e passava intere giornate a dipingere i fiori nel mio giardino. Dopo che tornó in Francia, soggiornai ogni anno a Parigi cercando di ricreare il nostro amore. Ogni tentativo di mettermi in contatto con lei fallí, ed in questo modo iniziai a dipingere. Non c'e da meravigliarsi quindi che le donne nelle mie tele rivelino una combinazione dell'amore che nutro per mia madre e la mia passione per la Francia. Credo nella reincarnazione, poiché nei mie sogni la mia vita si svolge alla fine del secolo. I miei dipinti riflettono una combinazione di codesti sogni e delle mie esperienze parigine: i teatri, il circo francese, e naturalmente il Cabaret che amo tanto. Dopo la mia mostra a Parigi "Le Petit Prince de la Peinture" mi hanno chiamato il Toulouse-Lautrec americano. Le bellezza femminile continua ad essere la mia influenza primaria, ed io dipingo le donne come i fiori dei miei sogni fantastici per celebrare la vita.

(Home)